Wilhelm Conrad Röntgen, fisico tedesco.  Il suo nome è legato alla scoperta, avvenuta l’8 novembre 1895, della radiazione elettromagnetica nell’intervallo di frequenza oggi noto come raggi X

L’8 Novembre del 1895, Wilhelm Conrad Röntgen, del tutto casualmente scoprì i Raggi X; mai scoperta fu più rivoluzionarla per la Medicina.

Sono due le teorie che cercano di identificare nel modo più preciso il periodo storico dove collocare la nascita del Tecnico di Radiologia. La prima la colloca con la scoperta dei Raggi X, la seconda (circa 50 anni dopo) la riconosce nella volontà dei medici radiologi di avere una figura ausiliaria  al loro fianco, che si facesse carico della parte esecutiva e rischiosa delle attività di radiologia.

Le professioni sanitarie (non-mediche), Luca Benci, McGraw-Hill. Capitolo 8 “Cenni di storia della professione”: Alessandro Beux, Alfonso Scardigno, Marco A. Ciccone

Se è discutibile collocare nel tempo la nascita di tale figura (scoperta Raggi X ? abrogazione mansionario? nascita profilo professionale? … ) Non lo è altrettanto collocare il suo impoverimento: ogni giorno.

Nessun’altra professione sanitaria è stata attraversata, in modo così complesso e trasversale dallo sviluppo tecnologico (basti pensare alla scoperta della Risonanza Magnetica che esula totalmente dalla scoperta dei Raggi X),  come per il Tecnico di Radiologia.

La Medicina, la Radiologia e con essa il Tecnico di Radiologia, sono ormai nell’ Era del Digitale da decenni.

Il confine che questa duplice sfida ha indirettamente portato (l’ Era del Digitale) è estremamente sottile e vicino alla morte del Tecnico di Radiologia. Nel 2018 il Tecnico di Radiologia ha due modi di lavorare: premendo un pulsante oppure soffermarsi e riflettere su “cosa è o cosa ha portato” quel pulsante.

Se la prima richiede un approccio mentale estremamente aperto, la seconda richiede un’alta  professionalità. 

Professionalità dove il ruolo dell’Università è costruire le fondamenta, ma l’aggiormanento professionale spetta al singolo professionistà.

Se non si riuscirà a raccogliere e superare queste sfide, l’unica commemorazione sarà la morte del Tecnico di Radiologia, celebrata ogni giorno.

TsrmLavoro è nato con lo stesso principio etico che ha spinto Röntgen a non chiedere un solo centesimo della sua scoperta rivoluzionarla. La sfida più grande purtroppo oggi, per molti, è superare l’ostacolo lavorativo perchè il lavoro è fondamentale sia per la dignità dell’uomo, che del professionista, che ne deriva solo dopo.

E’ solo grazie alla nostra mentalità chiusa e al modo di vedere, poco lungimirante, che è (purtroppo) passato il messaggio che tanto… basta premere un pulsante…. che il Tecnico di Radiologia Medica sta attraversando il periodo più buio per l’abuso di professione.

Stiamo scomparendo della Sale Operatorie, dalle Emodinamiche, dove c’è un Brillanza spesso non vi è un Tecnico di Radiologia a farlo funzionare.

Sono tutti posti di lavoro rubati a chi faticosamente sta cercando di trovare la sua dignità umana e professionale, lavorando.

E’ il cambiamento di mentalità lo scoglio più grande da superare, cambiamento che corre di pari passo con la nostra professionalità.

Il cambiamento più grande deve partire da noi, siamo noi il cambiamento.

Francesco Zangari 
Fondatore ed Amministratore di TsrmLavoro.com

123 anni dopo la scoperta dei Raggi X